,

“I paesaggi di Antonio Cederna” – la storymap realizzata da TeamDev per raccogliere un preziosissimo e ancora attuale archivio.

Antonio Cederna – Una vita spesa per denunciare, sensibilizzare e combattere l’urbanizzazione selvaggia in Italia.

Il 27 agosto 2016 saranno vent’anni dalla sua scomparsa; oggi Repubblica.it gli dedica un articolo per ricordare il suo prezioso e ancora attuale operato.

 

Impossibile racchiudere la figura di Cederna con una definizione singola, come scrive giustamente Repubblica.it nel suo articolo.

Per conoscere un po’ meglio lui e tutto ciò a cui si è dedicato è disponibile “I paesaggi di Antonio Cederna”, una storymap che raccoglie e rende disponibili in un’unica mappa gli oltre 2000 articoli con base geografica conservati presso l’Archivio Cederna.

 

“Non è a dire che io sia un vero e proprio giornalista, mi mancano tante qualità dei giornalisti, ma grazie al cielo anche tanti difetti. Comunque mi vanto di aver scritto cose che in una repubblica ben ordinata sono ovvie: che non si devono lottizzare le foreste e cementificare i litorali; che si deve rispettare la natura; che non si devono toccare i centri storici ma solo risanare. Cose ovvie in un paese normale, cose ovvie! Mi facevano passare per uno contrario al “progresso”, invece ero e sono contrario alla stupidità e alla speculazione edilizia, punto e basta” (1993)…

“Dal momento che purtroppo in Italia i problemi di fondo sono sempre gli stessi che altro fare se non ripetere? Quando queste leggi (urbanistica, espropri, difesa dei suoli) ci saranno e saranno rispettate, allora scriverò di cose diverse” (1986).

Naviga la storymap e scopri quanto sono stati e ancora sono preziosi i suoi studi e scritti: http://paesaggi.archiviocederna.it/

 

Da una sua battaglia per l’Appia Antica sta nascendo il GRAB (approfondisci).

Puoi leggere tutto l’articolo di Repubblica qui o scaricare il pdf: Antonio Cederna_ la democrazia è sognare città più belle – Repubblica.it