TeamDev – attraverso il proprio brand WiseTown – promuove strumenti e percorsi di digitalizzazione che consentono di migliorare la qualità delle politiche pubbliche e della gestione dei processi amministrativi, oltre che un’ottimizzazione di tempi e risorse della PA. 

TeamDev e la digitalizzazione della PA

Con un focus sul settore delle smart cities, WiseTown ha ideato uno strumento di supporto decisionale basato su tre elementi fondamentali: la base di conoscenza, il Model Management System (MMS) e l’interfaccia utente.

Inserire le Pubbliche Amministrazioni (PA) nel percorso di transizione digitale è una sfida impellente e necessaria. L’obiettivo principale della digitalizzazione del settore pubblico, di certo, non sta nell’automatizzare i processi esistente. Piuttosto, si tratta di promuovere un’ambiziosa riprogettazione delle PA grazie alla quale dovrebbe essere stimolato un processo di inclusione e di eliminazione delle inefficienze.

I DSS e la gestione dei dati nel processo di digitalizzazione

Alla base, senza dubbio, sta il raggiungimento di standard elevati nella gestione dei dati pubblici. Infatti, troppo spesso i dati raccolti e utilizzati dalle PA risultano gestiti in modo inadeguato, dando vita a numerose inefficienze del processo. Questo vale sia per la fase upstream, in cui accade che gli stessi dati vengono raccolti più volte senza alcuna armonizzazione tra databases pubblici, sia nella fase downstream, in cui enti pubblici e soggetti privati non riescono ad accedere a dati utili.

Queste considerazioni sono alla base dei Decision Support Systems (DSS) pensati per supportare il processo decisionale. Si tratta, infatti, di sistemi capaci di ottimizzare i flussi di dati e correlarli, offrendo così un’accurata analisi della realtà e ponendosi quindi come strumento fondamentale nel supporto alle decisioni e nell’attività di programmazione degli attori della PA.

Un DSS per la città intelligente

La base di conoscenza del DSS di WiseTown rappresenta l’intera quantità di dati esterni raccolti da diverse fonti (ad esempio sensori, satelliti, social media o open data) e all’importante numero di informazioni procedurali interne alla PA. I dati raccolti vengono integrati con gli input umani – grazie alle tecnologie civiche – così da ottenere una panoramica completa della vita urbana.

Il Model Management System (MMS), sistema a supporto della gestione dei dati, definisce l’efficacia dei DSS. Nel campo delle smart cities, in particolare, gli MMS dovrebbero essere definiti sulla base di aree specifiche. In altri termini, ogni settore della gestione pubblica (salute, spazi urbani, sviluppo economico, sicurezza o e-government) dovrebbe avere un MMS dedicato e adattato alle necessità specifiche. In questo modo, la componente dell’Intelligenza Artificiale del sistema impiegherebbe tempi minori di perfezionamento e mostrerebbe una panoramica più accurata.

Per ultimo, il DSS di WiseTown si compone di un elemento troppo spesso sottovalutato: l’interfaccia utente. Un accurato lavoro sul piano dell’User Experience Design (UX) risulta fondamentale per far sì che soluzioni innovative anche complesse siano facilmente fruibili da utenti con differenti competenze digitali.

Francesca Nafissi, account manager di WiseTown, ha approfondito il tema su Business Reporter parlando dell’importanza delle tecnologie FIWARE.

Leggi l’articolo
Francesca Nafissi
Francesca NafissiArchitetto e Account Manager di WiseTown
Laureata in Ingegneria Edile Architettura a Perugia ha vissuto per circa due anni a Lisbona, occupandosi di progetti di ricerca sul tema della pianificazione urbana e dello spazio pubblico e lavorando in uno dei più importanti studi di progettazione architettonica di Lisbona, Campos Costa Arquitetos.

Nel corso degli anni ha partecipato a numerosi workshop, sia in Italia che all’estero, anche in veste di tutor, inerenti le tematiche della progettazione architettonica e della pianificazione urbana.